Gli egoisti

Pagg. 144 – Anno: 2015
ISBN: 978-88-98917-07-5

In vendita nelle seguenti librerie: Roma – Enolibreria via delle Quattro Fontane, La Caffarella.

Termoli: Fahrenheit.

6,00

Categoria:

Sull’autore

Federico Tozzi

Federigo Tozzi (Siena 1883 – Roma 1920). Dopo una giovinezza caratterizzata da studi irregolari e dal rapporto conflittuale con il padre, nel 1914 si trasferisce a Roma, dove vive una intensa e breve stagione letteraria interrotta dalla morte improvvisa avvenuta per le conseguenze dell’epidemia di spagnola. Nel 1917 pubblica con Treves Bestie, ma è con la pubblicazione di Con gli occhi chiusi (1919) e di Tre croci (1920) che avviene la definitiva consacrazione. La scomparsa non ne interrompe la parabola ascendente, al punto che vengono pubblicati postumi il racconto Ricordi di un impiegato (a cura di Borgese), i romanzi Il podere e Gli egoisti, l’epistolario sentimentale Novale e il dramma L’incalco. Oltre alle opere citate, si ricordano le raccolte di novelle L’amore (1919) e Giovani (1920) e numerosi scritti critici, religiosi e teatrali. Considerato a lungo un epigono della corrente verista, è stato riconosciuto da Giacomo Debenedetti “il primo dei nostri narratori nuovi”.

Gli Egoisti e altre storie romane. Quando Federigo Tozzi si trasferisce a Roma, nel 1914, la città è in piena espansione: nuovi quartieri, edifici pubblici e moderne infrastrutture stanno sorgendo, e imponenti ponti, destinati a caratterizzare la fisionomia urbana, uniscono ora le due sponde del fiume. Non si tratta ancora, tuttavia, della crescita selvaggia e incontrollata che avrà inizio solo a partire dagli anni venti: è una città in cui l’altezza delle costruzioni è tale da non impedire alla vista di spaziare fino alla campagna, nella quale sconfina dolcemente; una città in cui cambiamento e persistenza convivono in un equilibrio dai giorni contati. Nelle storie “romane” che qui si propongono, i movimenti dei protagonisti attraversano un inventario eterogeneo di luoghi e oggetti: tram, automobili, stazioni ferroviarie, pecore, chiese, baracche, straccioni, artisti, impiegati e, appena fuori porta, il mare turchino e il fiato della malaria. Su di essi si posa lo sguardo dell’Autore, a costruire un quadro indimenticabile, storico e simbolico insieme.
Contenuti del volume: Gli egoisti (romanzo); Il crocifisso, I butteri di Maccarese, Una recita cinematografica, Marito e moglie (racconti). Saggio introduttivo di Adele Costanzo.