Oltre la quarta parete

Pagg. 128 – Anno: 2018
ISBN: 9788898917297

Il libro è acquistabile anche su Amazon cliccando sul pulsante qui di seguito

In vendita a Roma presso Enoteca letteraria  http://www.enolibreria.it/ e presso  la Libreria Testaccio, Piazza Santa Maria Liberatrice

A Volterra presso LIbreria Migliorini

11,00

Categoria:

About The Author

Alma Daddario

Giornalista e scrittrice, vive e lavora a Roma, dove svolge la sua attività collaborando con varie testate giornalistiche. E’ anche autrice teatrale: premiata per “Siamo tutti…libertini” con il premio “Stanze Segrete”, ha inoltre rappresentato:  “Albertine o della gelosia”, “L’anima e la voce”, “Le confessioni”, “Ritmo spezzato”, “Le attese:moods for love”, “Come nebbia sottile o lieve sogno”, “Matilde di Canossa: la legge, il cuore, la fede”, “L’anima e la voce”,  “Clitennestra”, “Pancrazio, la libertà di avere paura”. Ha pubblicato narrativa e saggi sulla scrittura creativa. Con la scrittrice Dacia Maraini ha collaborato, presso il Centro Internazionale Alberto Moravia, alla realizzazione di seminari di scrittura teatrale e creativa. Fa parte della giuria del premio teatrale: “Ombra della Sera” per il Festival Internazionale del Teatro Romano di Volterra e del concorso internazionale di drammaturgia contemporanea: L’Artigogolo, organizzato dall’Editrice ChiPiùNeart. E’ membro del CENDIC: Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea.

Si occupa di organizzazione di eventi culturali e uffici stampa per la D&C Communication: www.eventsandevents.it.

L’opera si compone di quattro piéces di elevato valore letterario, in cui la Parola scritta/narrata è la protagonista indiscussa capace traghettare il lettore/spettatore in un viaggio intenso tra Mito, Storia e Cronaca, in cui passato e presente si confondono, accomunati dai più profondi conflitti e sentimenti umani: libertà, amore, solitudine, maternità, accettazione di sé, eros, avidità e potere. Quello della Daddario è teatro di Parola che si fa Corpo: corpo che danza, corpo storpio e rifiutato, corpo abusato, corpo amato o prigioniero, corpo assassinato, corpo che lotta, corpo di uomo e di donna che cercano il loro posto nel mondo e nella società. Viaggiando, con ossequioso rispetto, tra classicità e contemporaneità, le pagine della Daddario si presentano come elaborati esempi di “Teatro contemporaneo di Parola”, che se agita, sa destare intelletto e animo spingendo il lettore/spettatore ad interrogarsi sul quotidiano e sull’umano. (Angela Telesca)

Recensioni:

puntocontinenti.it » Blog Archive » IL TEATRO DI ALMA DADDARIO VISTO DA GIOVANNI ANTONUCCI

“Oltre la Quarta Parete” con il mito attuale di Alma Daddario