La virtù di Checchina – Dalla novella al teatro

Pagg. 208 – Anno: 2018
ISBN: 978-88-98917-27-3

Il libro è acquistabile anche su Amazon cliccando sul pulsante qui di seguito

15,00

Categoria:

About The Author

Carla Killander Cariboni

Si laurea in lingue e letterature straniere moderne presso l’Università di Torino. Consegue il diploma D.E.A. in francesistica all’Università di Lione, lavora come lettrice d’italiano all’Università di Aix-en-Provence e conclude il dottorato in francesistica all’Università di Lund, in Svezia. È quindi ricercatrice in letteratura francese all’Università di Goteborg e attualmente professoressa associata di lingue romanze presso l’Università di Lund, dove insegna lingua e letteratura francese e italiana. Svolge e dirige ricerche nell’ambito della narratologia e i suoi lavori vertono principalmente sulla comparatistica e sull’intertestualità.

Massimo Franciosa

(Roma 1924 – 1998). Laureato in giurisprudenza e in lettere, scrive su quotidiani e periodici tra cui La Fiera letteraria. Negli anni ’50 è soggettista e sceneggiatore insieme a Pasquale Festa Campanile: GliInnamoratie Giovani maritidi Bolognini, Poveri ma bellidi Risi. Negli anni ‘60 scrive, in collaborazione con altri, la sceneggiatura di Rocco e i suoi fratellie Il Gattopardodi Visconti e Le quattro giornate di Napolidi Loy. Come regista firma, con Festa Campanile, Un tentativo sentimentale(1963) e Le voci bianche (1964). Scrive due volumi di racconti: Incantesimo per Renata(1950) e Una chitarra in Paradiso(1954) e il romanzo La finta sorella(1959). Con Il mio migliore amicovince il premio nazionale per il radiodramma nel 1955.

Matilde Serao

(Patrasso 1856-Napoli 1927). Lavora come giornalista presso il Corriere del mattino di Napoli poi, a Roma, per Capitan Fracassa,Nuova Antologia, Fanfulla della domenica, La domenica letteraria. Fonda e dirige col marito Edoardo Scarfoglio il Corriere di Romae il Corriere di Napolie dopo la separazione, nel 1904, fonda IlGiorno, che dirige fino alla morte. È autrice di romanzi e novelle di ispirazione verista in cui dipinge la vita sociale napoletana: Il romanzo della fanciulla(1886), All'erta, sentinella!(1889) e Il paese di cuccagna(1890). Ne Il ventre di Napoli(1884) denuncia il degrado della città.In Fantasia(1883), La virtù di Checchina(1884), La conquista di Roma(1885) e Vita e avventure di Riccardo Joanna(1887),descrive la società piccolo borghese o il mondo politico-giornalistico.

Pubblicata dapprima a puntate nella Domenica letteraria nel 1883 e poi in volume dall’editore catanese Giannotta nel 1884, La virtù di Checchina della Serao presenta, con estrema finezza psicologica, la tranche de vie di una donnina della piccola borghesia romana e mette in scena il nascere di un progetto di adulterio che la risarcirebbe di una vita priva di slanci accanto ad un marito gretto e avaro.

Custodito nella Biblioteca Luigi Chiarini, presso il Centro Sperimentale di cinematografia di Roma, e rimasto inedito fino a questo giorno, il testo di Massimo Franciosa La virtù di Checchina vede oggi la luce in questo volume affiancato alla novella originale di cui costituisce l’adattamento teatrale. Franciosa traspone la vicenda in un contesto storico diverso, realizzando una commedia di costume che mette in luce il cinismo e la superficialità dell’aristocrazia romana del Ventennio. Il testo è corredato da un ricco e puntuale apparato critico di note al testo della curatrice Carla Killander Cariboni.